Prenotare direttamente conviene

  • - Miglior tariffa garantita
  • - Wi-Fi senza limiti
  • - Sconti per traghetto e noleggio auto
  • - Politiche di cancellazione flessibili
  • - Kit di benvenuto*
* per soggiorni di minimo 7 notti
Booking online by Hotel.BB

Dettaglio Evento

Mostra Permanente

2005-02-15

Liliana Cano Nata a Sassari nel 1924, ha conseguito la maturità artistica e studiato all' Accademia albertina di Torino. Ha allestito svariate personali tra Sassari, Cagliari, Olbia, Nuoro nonchè Roma, Avellino, Brescia, Firenze. Ha partecipato a mostre collettive, tra le quali a Padova nel 1944, a Bologna nel 1948, a Sassari durante gli anni 60 e 70, a Desenzano (Brescia) nel 1973. Da allora la sua opera ha varcato il confini nazionali con mostre in Francia ed in Spagna. Le sue opere sono presenti in numerose chiese sarde ed il suo tratto forte ed originale riesce sempre a coinvolgere lo spettatore. Video Anfossi. E' nato a Le Havre, in Francia, il 6 marzo 1933 da Donna Irene Fabiano Del Vasto (discendente da un Papa-martire della gente Fabia, nato nel 236 e morto nel 251 d.C.) e da Francesco Anfossi Quidacciolu (noto Cicito), nipote di Giuseppe Anfossi proveniente da Nizza come da Cfr. AdSSS, atti notarili, Tempio e ville, 1864, vol. III, n.460, cugino del grande Francesco Ciusa Quidacciolu, scultore nuorese, premiato alla Biennale di Venezia (1907) per l'opera "La madre dell'ucciso". Il fratello di Cicito Anfossi, Tosino, laureato a Cagliari nel 1921 con una tesi di Chimica su alcune sostanze coloranti usate in Sardegna per tingere l'orbace, fu anche il creatore del "Giocattolo sardo", consistente in pupazzi in legno policromato, vestiti con feltro, tele e altre stoffe. E' interessante la sua opera edita nel 1933 "La processione di Sant'Efisio", rintracciabile nella biblioteca del Comune di Cagliari. La famiglia Anfossi è menzionata in un diploma di Boemondo II e, nel 1140, in un trattato della Repubblica marinara di Genova, con i marchesi di Savona Mimmo Guerrera nasce a Catania nel 1942. Trascorre l' adolescenza interessandosi di moda e arredamento, fin quando il desiderio di nuovi stimoli non lo spinge ad intraprendere numerosi viaggi. Negli anni '60 è a Roma dove, ammaliato dalle bellezze della capitale, rivolge la sua attenzione al mondo dell' arte frequentando giovani artisti che incoraggiano i suoi primi approcci alla pittura e alla scultura. Nel 1970 presenta la sua prima personale. Conosce Guttuso, frequenta il Caffè Greco di via Condotti dove incontra De Chirico, espone le sue prime sculture da Leone di Castro a Piazza di Spagna, partecipa a numerose attività artistiche sia a Milano che in molte altre parti d' Italia e del mondo.

Mostra Permanente

Ritorna all'elenco degli eventi